Analisi Fattore Maschile 2017-03-07T09:53:37+00:00

Analisi Fattore Maschile

Esame liquido seminale (spermiogramma)

L’esame del liquido seminale consiste in una valutazione macroscopica, microscopica e chimico-batteriologica dell’eiaculato.

Il liquido seminale è sensibile a diversi fattori tra i quali

  • l’uso di particolari farmaci (es. antibiotici, antinfiammatori)
  • periodi recenti di febbre alta
  • scorrette abitudini di vita (stress, uso di alcool, fumo, sostanze stupefacenti ecc.)
  • giorni di astinenza sessuale non corretti (un’astinenza prolungata può provocare una riduzione della motilità mentre un’astinenza breve può provocare una riduzione della concentrazione)
  • errata raccolta del liquido seminale.

Tutti questi fattori possono alterare i risultati anche in modo significativo, pertanto prima di raccogliere il campione è necessario accertarsi che il paziente non sia stato soggetto a tali eventi.

L’analisi macroscopica prende in considerazione i seguenti parametri:

  • volume dell’eiaculato
  • liquefazione
  • viscosità
  • colore
  • pH
  • L’analisi microscopica prende invece in esame i seguenti parametri:

  • Concentrazione degli spermatozoi
  • Motilità
  • Morfologia
  • Test di vitalità
  • Test immunologici

La presenza di alterazioni dei parametri sopra elencati definisce alcune condizioni patologiche che possono essere alla base della condizione di infertilità. In particolare le alterazioni della concentrazione degli spermatozoi definiscono le condizioni di: oligozoospermia, criptozoospermia ed azoospermia.

Le alterazioni della motilità degli spermatozoi definiscono le condizioni di: astenozoospermia, acinesia e necrospermia (quando risultano non vitali col test dell’eosina).

Le alterazioni della morfologia degli spermatozoi definiscono invece la condizione di teratozoospermia.

L’esame morfologico consente inoltre di evidenziare la componente cellulare non nemaspermica, rappresentata da elementi della linea spermatogenetica (quali spermatidi, spermatociti e spermatogoni), globuli bianchi, eritrociti, cellule epiteliali.

Di particolare importanza è la ricerca delle cellule germinali, la cui presenza superiore al 5% è indice d’alterazione della spermatogenesi.